Home Ave Roma - Il portale che ti guida attraverso le meraviglie della città eterna. - Posizione all'interno del sito Parchi Ville e Zone di Verde > Villa Borghese > Villa Borghese v6.0.12
Ave Roma - Il portale che ti guida attraverso le meraviglie della città eterna.
Google
 
Aggiungi Ave Roma ai preferiti Aggiungi ai preferiti
Imposta Ave Roma come home page
Italiano    English
  François   Español
Ave Roma - torna indietro     HyperLink     Ave Roma - avanti   Ave Roma - Il portale che ti guida attraverso le meraviglie della città eterna. - Logo del sitoAve Roma - Il portale che ti guida attraverso le meraviglie della città eterna. - Logo del sito
  VILLA BORGHESE
VILLA BORGHESE
Foto 1: Veduta dell’ingresso monumentale di Villa Borghese su Piazzale Flaminio
Villa Borghese è da considerarsi una delle poche ville storiche rimasta quasi intatta nell'estensione anche se quasi del tutto privata delle sue caratteristiche originarie sia dal punto di vista architetturale che faunistico a causa dei lavori che vennero eseguiti per trasformarla da villa privata a parco pubblico.
Il Cardinale Scipione Borghese Caffarelli, nipote di Papa Paolo V, nel 1605 fece erigere, su progetto di Flaminio Ponzio, su un'area di proprietà della famiglia situata sul colle Pinciano e coltivata a vigneti, una villa suburbana in stile barocco (identificata poi come Villa Borghese) da destinare a museo privato. Il progetto comprendeva anche un giardino di modello rinascimentale suddiviso in tre recinti: il giardino boschereccio formato da riquadri alberati, il giardino delle prospettive arricchito di opere d'arte e il parco di aspetto rustico e naturale; inoltre era presente una uccelliera, un gallinaio per struzzi e pavoni e un serraglio per leoni. Alla morte di Ponzio, nel 1613, gli successe Vasanzio che arricchì la facciata del Casino con opere di scultura della collezione del cardinale; nel 1621 subentrò Girolamo Rainaldi.
Foto 2: Veduta della Casina Valadier all’interno di Villa Borghese
Foto 2: Veduta della Casina Valadier all’interno di Villa Borghese
Entrando dall'ingresso di Via Pinciana si poteva ammirare un fontanone rustico abbellito con rocce chiamato il MASCHERONE che venne distrutto per i rinnovamenti del Settecento e sostituito dalla FONTANA DEI CAVALLI MARINI; da questo lato ci si trovava in un bosco (giardino boschereccio) con viali regolari chiuso da siepi e arricchito da viali, da cui si poteva accedere al retro del Palazzo che era esclusivamente pedonale. Nell'altro lato del Casino si trovavano invece boschetti di lauri. Un altro edificio importante che si trovava all'interno del comprensorio era la GROTTA DEI VINI, una grotta di tufo per la conservazione dei vini, tuttora esistente, che intorno presentava una balaustra che serviva agli ospiti per soffermarsi a bere e rinfrescarsi; intorno al casino nobile si trovavano ricche varietà vegetali. Al centro tra il giardino pubblico e quello privato si trovava il palazzo, quasi interamente adibito a museo, infatti gli ambienti riservati a servizi e abitazione erano assai limitati; al lato dell'edificio si trovava il "giardino dei fiori", che arrivava all'Uccelliera, oltre la quale si trovava un altro giardino, coltivato anch'esso a fiori. Il giardino privato del principe, percorso da pochi viali non carrozzabili era conosciuto come Giardino delle Prospettive ed oggi è chiamato PARCO DEI DAINI.
Foto 3: Veduta del laghetto di Villa Borghese
Foto 3: Veduta del laghetto di Villa Borghese

Un rinnovamento fu attuato da Marcantonio IV Borghese tra il 1766 e il 1793, tra i cambiamenti di maggior rilievo c'è la creazione di un nuovo ingresso nobile alla villa presso il Muro Torto in sostituzione di quello di Via Pinciana il cui portale venne costruito nel 1790. Alcuni dei viali principali facenti parte della struttura originaria sono sopravvissuti alle modifiche di Marcantonio, come ad esempio l'antico VIALE DEGLI OLMI; le costruzioni rimaste dopo queste modifiche si sono poi mantenute fino ai giorni nostri come: la FORTEZZUOLA, il CASINO DELL'OROLOGIO, il CASINO CON LA CHIESA, la CASA DEL GRAZIANO, quest'ultima costruzione, a due piani con due piccoli giardini quadrati, era rimasta non alterata dalle trasformazioni del Settecento e si trova davanti all'ingresso del Bioparco. Il Giardino del Lago venne creato per Marcantonio da un paesaggista inglese e anche se di modeste dimensioni era un luogo molto pittoresco; esso affacciava verso l'Acquedotto Felice, le Mura Aureliane e la zona del Pincio.
Tra il 1786 e il 1793 Antonio e Mario Asprucci si occuparono del rinnovamento del casino principale, della zona limitrofa a PIAZZA DI SIENA, con la creazione della piazza stessa come ippodromo, inoltre del ponte per il passaggio dell'Acquedotto Felice, che nella villa aveva il termine con la MOSTRA DELL'ACQUA FELICE.
Foto 4: Veduta della Meridiana di Villa Borghese nei pressi del Casino Borghese
Foto 4: Veduta della Meridiana di Villa Borghese nei pressi del Casino Borghese
Nel 1822 Canina curò il progetto di ampliamento della villa con l'inglobamento del CASINO DEL MURO TORTO, successivamente detto DEI GIOCHI D'ACQUA, che si affacciava su un piazzale ove erano fontane che davano improvvisi getti di acqua; nel 1849 venne ditrutto il complesso e il casino, successivamente riedificato, venne destinato ad Aranciera.
Il parco contiene al suo interno molte ville ed ha nove ingressi, dei quali i più frequentati sono: quello dalla Porta Pinciana, quello dalla Trinità dei Monti, quello dalle rampe del Pincio a Piazza del Popolo e l'ingresso monumentale di Piazzale Flaminio.
Gli edifici più importanti del parco sono: Villa Borghese Pinciana che ora è sede della Galleria Borghese; contigua ad essa Villa Giulia che ospita il Museo Nazionale Etrusco; Villa Medici sede dell'Accademia Francese a Roma; la Casina delle Rose sede della Casa del Cinema.
La villa venne acquistata nel 1901 dallo Stato Italiano che la cedette al Comune di Roma; fu la prima villa nobiliare della capitale ad essere aperta al pubblico. Attualmente è il secondo più grande parco pubblico a Roma, dopo Villa Doria-Pamphilj ed è sede del famosissimo "Concorso Ippico Piazza di Siena". Il Pincio, nella parte sud del parco, offre un ottimo panorama e magnifici tramonti su Roma oltre ad ottime passeggiate attraverso i suoi molti e bei viali; uno di questi, il viale delle Magnolie unisce il Pincio a Villa Borghese. La Fortezzuola è stata adibita a Museo Canonica e la Casina dell'Orologio a piccolo museo per la raccolta dei reperti provenienti dall'antica Gabii ove la famiglia Borghese aveva una piccola tenuta.
Ave Roma - torna indietro     HyperLink     Ave Roma - avanti
Per qualsiasi tipo di comunicazione potete indirizzare le vostre mail a: webmaster@ave-roma.it | Link Utili
Last modified: 5 Maggio 2008 | Ave-roma - Online dal 14 set '06 Ave Roma | Siti Partner | Mappa del sito
Viaggi e Vacanze Viaggiatorionline: Viaggi, informazioni e racconti per viaggiare Directory link Gratis Vacanze in Italia
migliori casino online
Viaggi e Vacanze

Orario del Server:
17/12/2018
4:44:09