Home Ave Roma - Il portale che ti guida attraverso le meraviglie della città eterna. - Posizione all'interno del sito Vie > Vie extra Rionali > Via Appia Antica v6.0.12
Ave Roma - Il portale che ti guida attraverso le meraviglie della città eterna.
Google
 
Aggiungi Ave Roma ai preferiti Aggiungi ai preferiti
Imposta Ave Roma come home page
Italiano    English
  François   Español
Ave Roma - torna indietro     HyperLink     Ave Roma - avanti   Ave Roma - Il portale che ti guida attraverso le meraviglie della città eterna. - Logo del sitoAve Roma - Il portale che ti guida attraverso le meraviglie della città eterna. - Logo del sito
  VIA APPIA ANTICA
VIA APPIA ANTICA
Foto di Via Appia Antica
Via Appia fu costruita nel 312 a.C. per volere del censore Appio Claudio Cieco, sfruttando per il primo tratto un preesistente tracciato che univa Roma ai Colli Albani. Questa strada era conosciuta anche con il nome di "Regina Viarium" in quanto era la prima e più famosa delle VIAE PUBBLICAE, cioè quelle grandi arterie che erano alla base del sistema stradale del mondo romano e che avevano lo scopo di unire Roma con le più importanti città dell'impero, nel caso specifico Capua, creando un'alternativa più rapida e sicura alla preesistente Via Latina. In un successivo momento con la prosecuzione fino a Brindisi (nel 190 a.C.) essa rappresentò la via di comunicazione con l'oriente prima con la prosecuzione delle rotte marittime e in un successivo momento con il suo prolungamento oltre il Canale d'Otranto chiamato via Egnathia (costruita nel 148 a.C.).
Oltre alla funzione strettamente militare con il tempo diventò essenziale anche per la viabilità di carattere civile per scambi commerciali e culturali. Allo stupendo paesaggio, la fiancheggiavano splendidi monumenti funerari e residenziali che costituiscono tuttora una storica testimonianza delle vicende di tanti personaggi vissuti in epoca romana.
Foto di Via Appia Antica
Foto di Via Appia Antica
La costruzione delle strade era molto importante per facilitare le comunicazioni, ma soprattutto per snellire e incrementare i commerci e gli scambi culturali con le altre civiltà e in questo caso anche per favorire l'espansione romana verso il Mezzogiorno.
Dopo il prolungamento fino a Brindisi non ci sono più notizie di lavori fino a tutta l'età repubblicana a parte qualche intervento non molto risolutivo nella zona pontina. Interventi risolutivi furono quelli di Cesare e di Augusto, successive ristrutturazioni si ebbero con Vespasiano nel 70 d.C., con Nerva nel 97, ma soprattutto ad opera di Traiano che realizzò una variante del tratto Benevento-Brindisi (Via Appia Traiana).
Successivamente ci si preoccupò di effettuare lavori per mantenere pienamente efficiente la sua viabilità. Utilizzata fino al Medioevo, cadde poi in abbandono, ma fu riaperta da Pio VI a fine Settecento e sistemata sotto Pio IX, per tutta la prima metà dell'Ottocento ci furono grossi interventi di riesumazione.
Con il piano regolatore del 1931 si progettò la realizzazione di un parco comprendente la zona archeologica tra Via Ardeatina e Via Appia Nuova con asse Via Appia Antica. Dopo varie evoluzioni, nel 1988 venne approvata la legge che costituisce il Parco regionale suburbano dell'Appia Antica.

Descrizione della struttura della Via Appia Antica
Ave Roma - torna indietro     HyperLink     Ave Roma - avanti
Per qualsiasi tipo di comunicazione potete indirizzare le vostre mail a: webmaster@ave-roma.it | Link Utili
Last modified: 5 Maggio 2008 | Ave-roma - Online dal 14 set '06 Ave Roma | Siti Partner | Mappa del sito
Viaggi e Vacanze Viaggiatorionline: Viaggi, informazioni e racconti per viaggiare Directory link Gratis Vacanze in Italia
migliori casino online
Viaggi e Vacanze

Orario del Server:
17/12/2018
3:54:42